Mandriolo nella rete

Unità pastorale di Mandrio, Mandriolo e San Martino (Vicariato III - Correggio, RE)

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Attivit Grest Grest 2003. San Francesco

Grest 2003. San Francesco

E-mail Stampa
Grest 2003: Scene preparate da Rita Liuzzo. Grest 2003: Scene preparate da Rita Liuzzo.

Dal 1° al 12 di settembre 2003 si è svolto il Grest per i ragazzi delle scuole elementari e medie. Domenica 14 settembre 2003, a coronamento dell’iniziativa, la liturgia della Messa comunitaria (ore 10.30) è stata animata dagli stessi ragazzi che hanno proposto preghiere, canti, drammatizzazioni e balletti. Il Grest è stato condotto principalmente da Gigliola Masoni che si è valsa della collaborazione preziosa di Giorgio Grisendi per gli aspetti teatrali, di Sara Costa e Valentino Casarini per gli aspetti musicali, di Don Giancarlo per le meditazioni e le preghiere, di Rita Liuzzo per le “scene”, di Francesca Benassi per l’organizzazione e i giochi e di altri ragazzi in veste di collaboratori.

Grest 2003: Giorgio Grisendi presenta due piccole drammatizzazioni su San Francesco (14/9/2003). Grest 2003: Giorgio Grisendi presenta due piccole drammatizzazioni su San Francesco (14/9/2003).
Grest 2003: In questa scena San Francesco (al femminile!) riceverà le stigmate (14/9/2003). Grest 2003: In questa scena San Francesco (al femminile!) riceverà le stigmate (14/9/2003).
Grest 2003: San Francesco (al femminile!) detta il cantico delle creature (14/9/2003). Grest 2003: San Francesco (al femminile!) detta il cantico delle creature (14/9/2003).
Grest 2003: Frate Leone (al femminile!) durante la dettatura del cantico delle creature (14/9/2003). Grest 2003: Frate Leone (al femminile!) durante la dettatura del cantico delle creature (14/9/2003).
Grest 2003: balletto eseguito sul sagrato dopo la Messa (14/9/2003). Grest 2003: balletto eseguito sul sagrato dopo la Messa (14/9/2003).
Grest 2003: balletto eseguito sul sagrato dopo la Messa (14/9/2003). Grest 2003: balletto eseguito sul sagrato dopo la Messa (14/9/2003).
Grest 2003: balletto eseguito sul sagrato dopo la Messa (14/9/2003). Grest 2003: balletto eseguito sul sagrato dopo la Messa (14/9/2003).

Preghiera semplice

O Signore,
fa’ di me uno strumento della Tua Pace:
dove è odio, fa’ ch’io porti l’Amore,
dove è offesa, ch’io porti il Perdono,
dove è discorsia, ch’io porti l’Unione,
dove è dubbio, ch’io porti la Fede,
dove è errore, ch’io porti la Verità,
dove è disperazione, ch’io porti la Speranza,
dove è tristezza, ch’io porti la Gioia,
dove sono le tenebre, ch’io porti la Luce.

O Maestro, fa’ che io non cerchi tanto
di essere consolato, quanto a consolare;
di essere compreso, quanto a comprendere;
di essere amato, quanto ad amare.

Poiché è:
dando, che si riceve;
perdonando, che si è perdonati;
morendo, che si risuscita a Vita Eterna.

Cantico delle creature

Altissimu, onnipotente bon Signore,
Tue so’ le laude, la gloria e l’honore et onne benedictione.
Ad Te solo, Altissimo, se konfano,
et nullu homo ène dignu te mentovare.

Laudato sie, mi’ Signore cum tucte le Tue creature,
spetialmente messor lo frate Sole,
lo qual è iorno, et allumini noi per lui.
Et ellu è bellu e radiante cum grande splendore:
de Te, Altissimo, porta significatione.

Laudato si’, mi Signore, per sora Luna e le stelle:
in celu l’ài formate clarite et pretiose et belle.

Laudato si’, mi’ Signore, per frate Vento
et per aere et nubilo et sereno et onne tempo,
per lo quale, a le Tue creature dài sustentamento.

Laudato si’, mi Signore, per sor’Acqua.
la quale è multo utile et humile et pretiosa et casta.
Laudato si’, mi Signore, per frate Focu,
per lo quale ennallumini la nocte:
ed ello è bello et iocundo et robustoso et forte.

Laudato si’, mi Signore, per sora nostra matre Terra,
la quale ne sustenta et governa,
et produce diversi fructi con coloriti fior et herba.

Laudato si’, mi Signore, per quelli che perdonano per lo Tuo amore
et sostengono infrmitate et tribulatione.

Beati quelli ke ’l sosterranno in pace,
ka da Te, Altissimo, sirano incoronati.

Laudato s’ mi Signore, per sora nostra Morte corporale,
da la quale nullu homo vivente p skappare:
guai a quelli ke morrano ne le peccata mortali;
beati quelli ke trovarà ne le Tue sanctissime voluntati,
ka la morte secunda no ’l farrà male.

Laudate et benedicete mi Signore et rengratiate
e serviateli cum grande humilitate.



 

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Commento: