Mandriolo nella rete

Unità pastorale di Mandrio, Mandriolo e San Martino (Vicariato III - Correggio, RE)

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Teatro Laboratorio 2004. Il principe felice

2004. Il principe felice

E-mail Stampa
Indice
2004. Il principe felice
testi cantati
Tutte le pagine
Il principe felice (Oscar Wilde). Anno 2004. Laboratorio di teatro. Il principe felice (Oscar Wilde). Anno 2004. Laboratorio di teatro.

È legato alla mia infanzia il ricordo dell’ultimo lancio di caramelle sul palcoscenico parrocchiale. E dalla prima volta che ho messo piede sul piccolo assito di via mandriolo inferiore numero uno, posso con grande orgoglio affermare che non vi è mai più stata una rappresentazione senza che io ne calcassi le scene. Dopo vent’anni, il prof. Giorgio Grisendi, sceglie di rinnovare la compagnia: a casa le star, avanti i bambini che si tuffano per pescare le caramelle. Una scelta coraggiosa. Ma quasi obbligata. Il risultato: straordinario, soprattutto per il motivo che dirò alla fine.

anno 2004
«Il principe felice»
di Oscar Wilde
Laboratorio di teatro

In sala troneggiava un pianoforte vivo, col quale l’amico Valentino accompagnava il coro. La differenza tra l’utilizzo di un pianoforte e le musiche registrate, sembrerebbe di poco conto, invece a Mandriolo si lavora così, sono i dettagli a rendere un’opera unica. Le maestranze non hanno dimenticato il mestiere appreso in vent’anni di spettacoli, e così vediamo sfilare uno dopo l’altro costumi curati, espressivi, fantasiosi; allo stesso modo i fondali dipinti e la statua del principe, unico elemento della scena.

Domenica 18 gennaio 2004,
teatro parrocchiale di Mandriolo,
i giovanissimi presentano:
«Il principe felice»

Bravi gli attori: il principino, ha già un posto per l’Amleto nel ruolo del titolo, soprattutto per via di quella calzamaglia nera. La rondine, nei sui voli accenna pure graziose piccole coreografie. Sempre bello l’effetto della scena dietro al velo in secondo piano, tanto più se le interpretazioni sono così sincere.

Il vero prodigio però, è che la piccola comunità parrocchiale si conferma capace di dare qualcosa ai giovani che essi non possono trovare altrove. Ed il risultato non è una pappa come quelle che ci sono fuori, e per di più meno buona. Ma un esperienza di livello elevato che sa dare solo chi è animato da spirito cristiano. E i risultati si vedono. (A.A.)




 

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Commento: